Rimani sempre aggiornato sulle notizie di dorgaligonone.net
Diventa nostro Fan su Facebook!

Sabato 24 settembre a Dorgali >>> Il Disegno Ininterrotto della ceramica dorgalese

- Al: 24/09/2016, 23:00 | Categoria: Arte e Mostre
STAMPA

L'Assessorato alla Cultura del Comune di Dorgali e la Casa editrice di libri d'arte e cultura "Ilisso" presentano il volume "SALVATORE FANCELLO e la scuola ceramica di Dorgali". L'appuntamento è nella Sala Consiliare a Dorgali, sabato 24 settembre 2016 alle ore 18.00; interverranno: Maria Itria Fancello, Sindaco di Dorgali, Agostino Cicalò, Presidente Camera di Commercio di Nuoro, Ugo Collu, Coordinatore iniziative Centenario Salvatore Fancello, Alberto Crespi, Storico dell’Arte – Autore del saggio critico del volume, Bibbiana Tanina Mele, Studiosa di Salvatore Fancello, Antonello Cuccu, Storico e critico della ceramica.

Il grande ceramista Salvatore Fancello, interprete di straordinaria e poetica libertà in-ventiva e il multiforme, coloratissimo universo del Made in Dorgali, hanno le medesimeradici, sviluppando due produzioni solo in apparenza agli opposti. Questa è la traccia attorno alla quale sono costruiti i contenuti del volume Salvatore Fancello e lascuola ceramica di Dorgali, che sabato 24 settembre si presenta nella Sala Consiliare a Dorgali. Ultima fra le pubblicazioni d’arte Ilisso, la presente è stata concepita in occasione dell’omonimamostra: Salvatore Fancello e la scuola ceramica di Dorgali, organizzata a Cala Gonone nell’estate 2016, nell’ambito dei festeggiamenti che l’amministrazione comunale ha voluto per celebrare ilcentenario della nascita di Salvatore Fancello (Dorgali 1916-Bregu Rapit 1941). Lo studio focalizzail lavoro dell’artista sullo sfondo delle botteghe dorgalesi, proponendo da un lato un importantenucleo di sue opere – oltre trenta opere, alcune inedite –, dall’altro una loro rilettura alla luce dellasignificativa produzione dei vari laboratori ceramici dorgalesi, uno dei quali in particolare, quellodi Simeone Lai, fu attivo referente nel dialogo e scambio con l’allora giovanissimo Fancello. La pubblicazione dunque, attraverso il suo essere battistrada nel guardarle col necessario spiritodi approfondimento, analizza le produzioni ceramiche dorgalesi del Novecento, ponendole allabase dell’indubbia influenza ch’esse esercitarono sui temi e sulla prassi tecnica, poi ampiamentesuperata, della ricerca fancelliana. Tramite le puntuali schede biografiche dei protagonisti, redatte da Manuela Flore, e un saggio criticodi apertura, a firma dello storico dell’arte Alberto Crespi, il volume ricostruisce il complesso scenariodel Made in Dorgali, oltretutto vero e proprio fenomeno che ha costituito il marchio di un’incon-fondibile tipologia ceramica della Sardegna, folklorica e popolare, affermatasi senza ombra di dubbiocome la più diffusa anche ben oltre i confini regionali, costituendo una sponda economica esemplarealle piccole e medie imprese del territorio. Molte delle quali ancora pienamente attive nel presentee proprio per esse il volume diviene necessaria tappa nello storicizzarne indelebilmente le origini.

Contatti

redazione@dorgaligonone.net
tel. 347.0963688
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK