Rimani sempre aggiornato sulle notizie di dorgaligonone.net
Diventa nostro Fan su Facebook!

L'opposizione respinge al mittente gli attacchi ingannevoli del sindaco

| di La Redazione
| Categoria: Politica
STAMPA
Gian Michele Nonne - Consiglio Comunale Dorgali, approvazione PUC

I Consiglieri Comunali Gian Michele Nonne, Sebastiano Loi, Fabio Fronteddu non ci stanno e smontano pezzo per pezzo l'ultimo comunicato stampa del Sindaco di Dorgali, Angelo Carta.

 

"L'opposizione è disponibile ad accettare la normale dialettica che in una democrazia deve intercorrere tra maggioranza ed opposizione, certe volte si va d'accordo, certe altre no. In tutte e due le situazioni è fatto obbligo a chi amministra di non raccontare balle.

Nel comunicato stampa dell'11/12/2014 (link) il Sindaco Angelo Carta, invece di confrontarsi su dei temi politici, racconta balle a più non posso.

Prima BALLA. “Da questo ultimo comunicato scompare il Consigliere Patteri Giovanni e compare il Consigliere Fronteddu" il consigliere Patteri Giovanni non è mai comparso in nessun documento delle opposizioni relativo al consiglio comunale del 28 novembre, quindi nessun gioco di prestigio da parte dell'opposizione.

Seconda BALLA. "L'assenza all'approvazione del puc, effettuata nell'ultimo giorno utile della scorsa legislatura, ............. Tanto è vero che a quella riunione era assente anche il Consigliere Nonne". Il consigliere Nonne era presente a quella riunione come dimostrano gli atti (delibera consiglio comunale n° 30 del 2011 - link) e la foto.

Terza Balla. "Puc poi bocciato dalla regione e che stiamo lavorando per farne uno che sia veramente equo e non come al solito attento agli amici e ignaro dei cittadini." Il PUC di Dorgali non è mai stato bocciato dalla RAS, ne lei Sig. Sindaco Angelo Carta ha mai comunicato niente in merito, anzi il 2 febbraio del 2012 scrisse ai Consiglieri Comunali che la RAS aveva risposto attraverso la Verifica di Coerenza con alcune osservazioni. Quindi NESSUNA BOCCIATURA. La verità è che da ormai quasi due anni la commissione non si riunisce e di PUC questa maggioranza non ne vuol parlare ne con l'opposizione e men che meno con la comunità di Dorgali e Gonone, per evidenti mal di pancia interni e con rotture e assenze silenziose all'interno della maggioranza. Probabilmente di PUC se ne parla nelle segrete stanze, non nelle pubbliche assemblee.

Quarta BALLA "Per le altre questioni elencate in questo ultimo sforzo letterario dell'opposizione voglio tranquillizzarli giacchè non hanno bloccato proprio nulla in quanto tutti i punti da loro elencati troveranno, alla conclusione dei percorsi procedurali in atto in regione, puntuale affermazione in Consiglio Comunale con loro presenti, il che è la soluzione da me auspicata, o assenti se loro così riterranno." L'opposizione ha bloccato l'operazione speculativa sul fotovoltaico da parte di un privato che aveva trovato nella vostra maggioranza porte aperte. L'opposizione ha bloccato le trivellazioni di Melchiorre Calvisi , che è stato capo dell'ufficio tecnico di Dorgali nella sua precedente consiliatura da Sindaco. L'opposizione ha bloccato l'acquisto del locale da adibire a centro informazioni di proprietà della SCIR spa. L'opposizione ha bloccato l'utilizzo di graduatorie per i cantieri occupazione che andavano bene per gli amici ma non per la nostra comunità. Per la società mista non è stato necessario l'intervento dell'opposizione, ma l'inconsistenza del suo operato e del progetto hanno determinato la fine di questa ennesima chimera che è costata ai dorgalesi 20.000,00 € per un pugno di mosche, senza contare i venti milioni spesi per il primo progetto della società mista.

Qinta BALLA "poi firma un documento con i tre capigruppo e con quest'ultimo ne perde uno per strada." L'opposizione nelle persone di Nonne, Loi e Fronteddu non ha perso nessuno per strada, infatti abbiamo firmato prima e firmiamo anche adesso.

Sesta BALLA "La mia sole preoccupazione è lasciare il mio paese un po’ migliore di come loro lo hanno lasciato: senza lavori pubblici, senza finanziamenti, con Oddoene ancora gravato da usi civici, col progetto dell'area marina protetta seppellito per cinque anni, col progetto supramonte defunto, con un PUC approvato in fretta e furia senza mai presentarlo ai cittadini e poi bocciato dalla Regione, col piano di gestione del SIC scaduto, con la rete del gas ferma, senza nemmeno un pannello solare in tutti gli edifici pubblici." L'opposizione suo malgrado deve registrare una situazione socio economica gravissima, peggiore di quella lasciata da Testone, con disoccupati che aumentano e aziende che sono costrette alla chiusura. Il secondo fallimento del progetto del PORTO stigmatizza l'operato di lei Sig. Sindaco. Molti proclami, ma ai fatti ci ritroviamo con un mutuo di 2.000.000, € per non essere stato capace di trovare un solo euro di finanziamento regionale. Non un solo euro per ridurre la bolletta energetica del Comune di Dorgali che ammonta a 600.000,00 € e che i dorgalesi pagheranno con la TASI. Se questa maggioranza avesse accolto l'idea dell'opposizione di realizzare direttamente l'impianto fotovoltaico negli edifici pubblici sfruttando il quarto conto energia, oggi i dorgalesi pagherebbero meno TASI. I piani SIC se fossero scaduti come lei asserisce non avrebbero permesso la manutenzione della viabilità di ODDOENE. Il progetto Supramonte ha fallito, perchè ha fallito tutta la progettazione integrata, non per la volontà ne delle imprese ne delle municipalità. I lavori della rete del gas sono partiti a novembre del 2012, se oggi i lavori sono fermi da oltre un anno e mezzo la responsabilità ricade esclusivamente sul suo operato, da assessore regionale ai lavori pubblici prima e sindaco poi. Sul fronte lavori pubblici possiamo nostro malgrado riscontrare che stia vivendo di rendita, gli unici lavori finanziati con fondi regionali e non con debiti, risalgono alla precedente amministrazione. Sul PUC ribadiamo che non c'è stata nessuna bocciatura da parte della regione, che le osservazioni fatte dalla regione, altro non sono che quelle criticità di cui tutti i commissari e consiglieri di maggioranza e di opposizione della scorsa legislatura avevano ben chiari. Infatti nelle linee programmatiche del PUC approvate all'unanimità si voleva tenere praticamente inalterato il vecchio PRG. Tuttavia la normativa urbanistica ha visto negli anni una filosofia sempre più limitante nei confronti delle espansioni edilizie. La regione in sintesi chiede a questo Consiglio Comunale cosa vuole fare nelle due zone F di GUSTUI e di SOS DORROLES a Cala Gonone e nella zona C di Dorgali.

Siamo pronti e disponibili a dialogare sui fatti e sui problemi di Dorgali, ma ci auguriamo di non fare l'ennesima operazione verità."

La Redazione

Contatti

redazione@dorgaligonone.net
tel. 347.0963688
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK