Partecipa a DorgaliGonone.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Nasce in Confcommercio il Gruppo Confguide

Nel direttivo anche componenti dorgalesi

Condividi su:

Una professione importante per il territorio, per il rispetto dell’ambiente e la sua tutela, per la salvaguardia della cultura e la sua diffusione, nonché  per l’accoglienza dei visitatori. Accompagnano quotidianamente viaggiatori nei suggestivi scenari ambientali o nei musei e piazze dei nostri paesini, ne curano la sicurezza e ne garantiscono l’incolumità attraverso la loro professionalità ed esperienza, oltre a stimolare curiosità e meraviglia con i loro racconti.

Una professione fondamentale, spesso dimenticata che, anche per  le Guide che operano in Sardegna, dopo numerose altre regioni d'Italia, ha finalmente la sua rappresentanza sindacale in seno alla Confcommercio, che appunto oggi trova espressione nel Gruppo Confguide, al quale hanno aderito per il momento una trentina di guide di tutte le tipologie previste dalla normativa: guide turistiche, guide ambientali escursionistiche e guide sportive

Il Gruppo di Confguide in un’affollata assemblea ha nominato il gruppo dirigente ed ha eletto presidente Letizia Marongiu che verrà affiancata nell’incarico dai componenti del direttivo che sono: Alessandra Bacchitta di Dorgali, Fabrizio Caggiari di Oliena, Simone Dessena di Orosei, Leo Fancello di Dorgali, Manuela Forense di Nuoro, Martine Gusai di Orosei, Gavino Meloni del cagliaritano ma operatore ad Orosei e Paolo Palimodde di Oliena.

Il gruppo si è messo subito al lavoro per mettere in atto tutte le strategia di promozione della categoria, per la sua formazione e soprattutto per la difesa da fenomeni come l’abusivismo che anche in questo settore ha un ruolo devastante. “L’auspicio, dice la neo presidente, è quello di instaurare quanto prima un dialogo con l’Assessorato al Turismo della Regione Sardegna, perché da tanto tempo la nostra professione non trova adeguata  risposta ad alcune problematiche, siamo in mano ad una legge regionale che ha appena 10 anni, ma è come se ne avesse 60. La regione non cura abbastanza questo settore e la sua integrazione con tutto il comparto turistico, cosa ben più grave siamo ancora in regime di disciplina transitoria per l’accesso alla professione e peggio ancora non sono stati stabiliti gli standard formativi e la loro certificazione”.

Il ruolo della guida è fondamentale in un territorio come il nostro dove in particolare ogni anno grava sulle tasche dei contribuenti il costo dei numerosi salvataggi di turisti imprudenti che si avventurano nelle nostre montagne da soli. 

Il Gruppo già da qualche settimana, grazie alla disponibilità concordata con il Presidente dell’Isre Bruno Murgia, ha iniziato un percorso formativo con la Dott.ssa Francarosa Contu (vedi foto allegata) finalizzato all’esigenza delle Guide di essere formate al meglio riguardo il nuovo assetto museale della sede del Museo del Costume, per poter offrire un servizio sempre migliore ai visitatori che decideranno di avvalersi delle conoscenze e dell’accompagnamento delle Guide Turistiche locali anche per visitare questa importantissima realtà museale.

Condividi su:

Seguici su Facebook