Partecipa a DorgaliGonone.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Lettera aperta al nuovo Sindaco di Dorgali

La proposta di un emigrato dorgalese per un centro storico vivibile

Condividi su:

Caro sindaco,

sono un dorgalese innamorato del suo paese. Il compito che ti hanno dato i dorgalesi di amministrare il paese nei prossimi cinque anni è allo stesso tempo un grande onòre e un grandissimo ònere. 

Camminando per le vie del nucleo più antico di Dorgali si nota l’alto numero di case vuote, decadenti, che danno un senso di indecoroso abbondono.

La ricchezza di un territorio è data dalla sua capacità di rinnovarsi attivando i propri spazi per costruire reti e risorse, moltiplicando le occasioni di crescita culturale, sociale ed economica.  La rigenerazione per molte aree del paese può essere un investimento per ricostruire memoria, storie, architettura di una genesi che non va dimenticata.  

La disponibilità crescente di spazi è generata principalmente da abbandono di case in vicoli stretti, senza cortili, senza giardini e che devono diventare spazi comuni di convivenza, piazze, luoghi di incontro. 

Riattivare spazi pubblici mal progettati o scarsamente valorizzati all’interno del paese con un programma di rigenerazione urbana e innovazione sociale fondate sul coinvolgimento attivo degli abitanti, di tutto l’associazionismo del governo locale. 

Queste realtà però faticano a coordinarsi tra di loro e con le istituzioni e sono sempre limitate da problemi di sostenibilità economico-organizzativa.
Da qui la necessità di tessere una nuova trama che veda protagoniste tutte le associazioni, imprese, enti pubblici in un programma condiviso. 

Ricostruire rigenerando gli spazi urbani ma collegarli a una funzione di promozione sociale e culturale e favorire l’appartenenza a una comunità che assume la sfida di valorizzare la propria storia ma di aprirsi a quanto di innovativo il futuro impone.

Analizzare i problemi trasformarli in risultati attesi in progetti che guardano non solo alla Regione ma anche all’Europa e ai processi di internazionalizzazione.

Su ite achere non mancat!  Deus ti vardet!

 

Condividi su:

Seguici su Facebook