Partecipa a DorgaliGonone.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Dopo Dorgali annullato il tour degli Jarabe De Palo, il cantante Pau Donès operato con urgenza di cancro

Condividi su:
Chiara Bacchitta

A due settimane dallo straordinario concerto degli Jarabe De Palo a Dorgali, il cantante e leader del gruppo, Pau Donès, pubblica un video girato nell’ospedale Vall d’Hebron di Barcellona per spiegare ai suoi fans il motivo che costringe la band spagnola ad annullare il tour.

«Tutto è iniziato con dei dolori di pancia - spiega - Il cancro è come un fantasma che si presenta quasi senza avvisare. Nel mio caso per fortuna siamo arrivati in tempo. Hanno tolto il male e il medico mi ha detto che devo riposare. Vi mando le mie scuse più sincere».

La brutta notizia è giunta dunque anche a Dorgali e alla Leva 1985 che aveva presentato con orgoglio il cantante spagnolo per concludere il Ferragosto Dorgalese 2015.
Il 16 agosto, al Campo di Mes’Austu, Pau Donès ha cantanto 4 brani del suo nuovo album “Somos” che definisce “molto funk, molto rock” ma l'intero concerto è stato più che altro un omaggio ai grandi successi che hanno portato fortuna alla band spagnola in Italia.
Spettacolo unico per il pubblico dorgalese che ha gradito il salto indietro nel tempo: da “Depende” a “Bonito”, da “La Flaca” a “Grita”, da “La quiero a morir” nata con la collaborazione di Francesco Renga a “Come un pittore” e “Dove è sempre il sole” cantate insieme ai Modà.

Per l’occasione, tra le prove e l’esibizione del gruppo, ho avuto il privilegio di incontrare Pau Donès per una breve chiacchierata ... oltre che per un doveroso selfie e più di una foto insieme agli altri ragazzi della Leva (di cui faccio parte), grazie anche alla preziosa collaborazione della Digital Champion locale Antonella Fancello che di buon grado si è prestata come nostra fotografa ufficiale.

Fa un certo effetto scoprire che già allora quell’uomo così sereno e disponibile iniziava a sopportare senza fatica i primi sintomi di un male così tristemente noto in quest’epoca.
Contrariamente a ogni mio timore, l’intervista si è svolta in modo molto semplice, veloce, naturale ... e soprattutto in italiano.

Hai mai visitato o hai mai fatto un concerto in Sardegna?
Sì, sono stato a Cagliari per un concerto 10 anni fa.

Che ricordi hai del pubblico sardo?
In quel momento gli Jarabe in Italia andavano molto forte, è stato un bel concerto. Ricordo in particolare il momento prima di salire sul palco quando vicino al porto dall’acqua sono sbucati due delfini, è stato bellissimo.

Hai un bel rapporto con il mare quindi non è stato un caso che appena messo piede a Dorgali hai scelto di visitare le nostre spiagge, che ne pensi?
Questa mattina siamo andati (insieme alla band) a Cala Osala, bella. Mi ha ricordato molto Formentera dove ho una piccola casa sul mare.

Trovi dunque delle somiglianze tra la Sardegna e la Spagna?
Sì, la costa è mista, mediterranea e “canaria”, sarà per i colori, le case ... Per chi come me è abituato a vivere prevalentemente in montagna, trovarsi in zona di mare è sempre una gioia.

Visto che ti sono piaciute le nostre spiagge, pensi di trattenerti a lungo?
No, partiamo domani verso Barcellona ma forse ritornerò.

Noi ti aspettiamo!
#BuenaSuerte
#FuerzaPau

Condividi su:
Chiara Bacchitta

Seguici su Facebook