Partecipa a DorgaliGonone.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Fattura Elettronica, Pos e scontrino elettronico: i nuovi obblighi dal 1° luglio

Condividi su:

La fattura elettronica che ha cambiato l’economia italiana continua a cambiare lei stessa. Dall’introduzione nel 2019 molti sono stati i cambiamenti. Inizialmente la e-fattura era obbligatoria per tutti i contribuenti che portavano a compimento scambi con soggetti con residenza nel territorio italiano. 

 

La stessa legge che ha introdotto questa modalità di emettere fattura ha anche previsto, in maniera esplicita l’esonero per altri soggetti che comunque possono aderirvi in via completamente volontaria. Ci si riferisce in particolare ai contribuenti in regime forfettario e anche quelli che operano in regime dei minimi e che hanno un fatturato annuo inferiore ai 65.000 euro.

L’introduzione della fattura elettronica avviene auspicando però dei cambiamenti graduali che hanno portato all’introduzione dello scontrino elettronico e dei corrispettivi telematici. E adesso cosa cambia di nuovo? Ora l’obbligo si estende anche ai soggetti esonerati che a livello di sanzioni verranno, ancora per un po’ tutelati. Tali contribuenti potranno utilizzare il sistema di e-fattura attraverso piattaforme come fatturapro.click

I cambiamenti del 1 luglio 2022

Il 2022 è l’anno in cui è entrato in vigore lo scontrino elettronico e i corrispettivi telematici e questo sarebbe già stato sufficiente. Invece ecco un’altra sorpresa, dal 1 luglio ci sono dei nuovi obblighi, introdotti dal Decreto Legge n.36 del 30 aprile 2022. All’articolo 8 ecco l’obbligo di fatturazione elettronica ampliato anche ai forfettari e a coloro che erano fino a questo momento esonerati. 

Questo il maggior cambiamento ma non l’unico. L’Esterometro va in pensione, al suo posto la fattura elettronica anche per chi compie degli scambi con l’estero. Inoltre l’obbligo di accettare pagamenti con il POS anche per piccoli importi. 

Una vera e propria rivoluzione che ha lo scopo di ampliare e di continuare il percorso verso la completa scomparsa dell’evasione fiscale, piaga per cui è nata la fattura elettronica e tutto il suo sistema. 

Cosa cambia nella fattura elettronica

Il comma 3 dell’articolo 18 del decreto a cui abbiamo in precedenza accennato si afferma che sono obbligati all’emissione della fattura in formato elettronico tutti i 

"i soggetti che nell'anno precedente abbiano conseguito ricavi ovvero percepito compensi, ragguagliati ad anno, superiori a euro 25mila".

Quindi tutti coloro che hanno superato tale soglia dovranno dotarsi, se non lo ha già fatto, di un sistema di fattura elettronica che sia esso un software, una app o iscrizione a una piattaforma ovvero l’utilizzo del portale dell’Agenzia delle Entrate

Un obbligo che fino ad oggi aveva già toccato diverse attività, aziende e liberi professionisti e che con il passare del tempo toccherà veramente tutti. Il tutto nel prospetto di contrastare l’evasione fiscale, motivo per cui è nato il sistema della e-fattura. 

Chi riesce a superare il 1 luglio 2022 indenne, senza nessun obbligo, non canti vittoria, perchè per loro l’obbligo arriverà dal 1 gennaio 2024, quando varrà per tutti i possessori di Partita IVA. 

Pagamenti con il POS

I cambiamenti non sono finiti, sempre dal 1 Luglio 2022 è in vigore il sistema di sanzioni per chi non è dotato di POS e non accetta pagamenti elettronici con bancomat e con carte di credito o di debito. Questo era un passaggio che era stato previsto per il 1 gennaio 2023, salvo poi spostare il termine a luglio 2022 inserendolo in una serie di modifiche che per la lotta all’evasione sono molto importanti. 

A tal proposito potrebbe essere giusto ricordare che l’obbligo di POS non era una novità, in quanto era già in vigore, ma non erano previste sanzioni per chi non ne fosse provvisto. Dal 1 luglio in poi tutte le ditte, le attività e i professionisti che non lo hanno o che comunque non permettono pagamenti elettronici potranno essere sanzionati con una multa di 30 euro a cui aggiungere la percentuale del 4% dell’importo del pagamento non accettato

Cosa fare

Adeguarsi non è difficile, per poter emettere le fatture in formato elettronico sarà sufficiente scegliere il servizio a cui affidarsi per l’emissione e l’archiviazione dei documenti in formato elettronico XML.

Il servizio può essere acquistato da terze parti, ovvero è utilizzabile il portale gratuito dell’Agenzia delle Entrate. 

Per quello che invece riguarda il POS ci si potrà dotare del dispositivo da richiedere alla propria banca, o acquistandolo tra quelli proposti dal mercato ed utilizzabili tramite smartphone, collegandolo al conto corrente dell'attività per la ricezione dei pagamenti. 

Condividi su:

Seguici su Facebook